Archivi categoria: guardarelaparola

Dal deserto al monte Tabor

Il deserto  e il monte Tabor. Due ‘luoghi’ in cui il Padre Eterno ha Rivelato il Progetto di Salvezza  pensato per  le sue creature!
Con essi ci viene rivelato il dove e il come della nostra Felicità Ultima! E’ questo il trait d’union tra il brano genesiaco e quello evangelico, proposti dalla Liturgia della Parola  di questa domenica.
Ma andiamo con ordine!
 Quella  notte di Rivelazione Dio promise ad Abramo una lunga discendenza: Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contare… Tale sarà la tua discendenza.  Da tale promessa scaturisce la consapevolezza teologica per cui, Ebrei e Cristiani, hanno un’unica radice: Abramo.

 Da questa verità di fede scaturisce  la tradizione  per cui i Giusti, alla loro morte, vanno a riposare nel seno di padre Abramo.  È affascinante la traduzione  iconografica di questo concetto che, sebbene con interpretazioni diverse, ha ispirato molte  opere d’arte. In modo particolare nell’iconografia del Giudizio Universale l’immagine di Abramo che tiene ‘in seno’ gli eletti è posta   in basso a destra del Cristo giudice, in relazione alla resurrezione dei morti, diventando così metafora della paternità di Dio, e indicando  la dimora definitiva dei beati: il Paradiso!

Mosaici Battistero, 1225-1330, Piazza san Giovanni, Firenze.

Probabilmente la più preziosa raffigurazione in merito è quella che fa parte dei mosaici del Battistero fiorentino realizzati tra il 1260 e il 1270. Insieme ad Abramo appaiono gli altri due patriarchi: Isacco e Giacobbe. E’ evidente la corporeità dei soggetti che, vivi, sono adagiati nel grembo dei tre personaggi, non sono quindi le anime dei giusti ma i risorti.
E di corporeità risorta ci parla anche l’episodio del Vangelo: il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Il ‘come’ noi risorgeremo: traboccanti della stessa Gloria di cui si ricolmò il corpo del Nazareno.
Ma perché tutto ciò avvenga deve accadere l’evento principe, unico, la chiave di volta che ‘regge’ il varco verso l’Eternità: la Resurrezione di Gesù!